venerdì 22 maggio 2015

Gli Usa salutano David Letterman dopo 33 anni di tv: parata di vip al gran finale

«Grazie e buonanotte». Parole semplici per il saluto a uno show storico, suggellato da 14 milioni di spettatori. David Letterman si è congedato dal leggendario Ed Sullivan Theatre, attorniato da uno stuolo di star e perfino presidenti degli Usa, incuso quello attuale. Prima Bill Clinton, poi George W. Bush e infine Barack Obama si sono rivolti ai telespettatori ripetendo la stessa frase:
 


«Il nostro lungo incubo nazionale è finito, Letterman va in pensione».
“Cose che avrei sempre voluto dire a Dave” è stato invece il tema dell’ultima top 10, affidata a un drappello di celebrità. Tra queste, Barbara Walters: «Usi lo stesso profumo di Gheddafi»; Tina Fay: «Grazie per aver finalmente dimostrato che anche gli uomini possono far ridere»; Steve Martin: «La plastica che ti sei fatto era una necessità e un errore».
L'addio di Dave si è consumato con i Foo Fighters in smoking sul palcoscenico e la loro hit Everlong, già suonata anche quando Letterman era tornato in onda dopo il quadruplo bypass del 2000.
Il Late Show è andato in onda dal 1982 al 1993 sulla NBC per spostarsi poi sulla CBS. Sulla sua poltrona si sono seduti i personaggi più famosi e influenti degli Stati Uniti e non solo.
«Letterman ha introdotto in tv il gusto della conversazione», ha ricordato Fabio Fazio. Già, ma anche quello di non fare sconti a nessuno. Tantomeno a se stesso: «Abbiamo fatto oltre seimila show... Posso garantirvi che una bella percentuale faceva schifo», ha scherzato il re dei talk show nel monologo iniziale: «Ma alla luce di tutti questi elogi, meritati o no, risparmiatene qualcuno per il mio funerale».
Graffiante e autoironico, come sempre, Letterman lascia in eredità un modello vincente e quasi impossibile da replicare, fatto di verve, cortesia e ironia tagliente.

Post più popolari